COSA FACCIAMO - Chiesa Evangelica Battista di Civitavecchia

associazione culturale
Centro di Gravità
&
Bookmark and Share
Vai ai contenuti
La Scuola Domenicale è un servizio della chiesa rivolto ai bambini. Qui i figli dei credenti ricevono una formazione biblica. Non si tratta di un catechismo, ma di un primo approccio alle storie della Bibbia.
Questo servizio è offerto da un gruppo di persone (chiamati monitrici e monitori) che la domenica mattina, mentre gli adulti partecipano al culto, svolgono attività con i bambini e i ragazzi nei locali adiacenti alla chiesa.
I bambini, divisi per fasce di età, vengono guidati alla lettura della Bibbia con il valido supporto delle schede di lavoro preparate dal S.I.E. (Servizio Istruzione e Educazione della FCEI) o altro materiale adeguato. Si cerca anche di stimolarli alla preghiera spontanea e al canto con il supporto di basi musicali o del pianoforte. Per i più piccoli sono previste brevi animazioni e lavoretti manuali.
Periodicamente, i bambini partecipano attivamente al culto, per esempio all’apertura ed alla chiusura del periodo di attività (settembre e giugno) e in prossimità del Natale. Ogni domenica assistono alla parte iniziale del culto prima di spostarsi nei locali adiacenti per le attività loro dedicate. I piccoli vengono così aiutati a “crescere nella fede” e a sentirsi parte della comunità, costruendo – passo dopo passo – il proprio rapporto con il Signore.
Ci troviamo ogni domenica alle 10.30 presso i locali sussidiari della chiesa in via dei bastioni 18.
Il culto
Il culto evangelico esprime la spiritualità comunitaria della chiesa battista. Nel culto la comunità principalmente ascolta insieme la predicazione della parola di Dio, ma anche prega, canta, partecipa alla cena del Signore (comunione) e svolge tutti i suoi riti comunitari come i battesimi (che vengono impartiti per immersione ai credenti che lo chiedono), le presentazioni dei bambini, i matrimoni, i funerali e le consacrazioni dei pastori. Ci sono culti speciali per le feste cristiane come l’Avvento, il Natale, la Pasqua e la Pentecoste.
Il culto evangelico si rende a Dio solo, ha al suo centro il Signore Gesù Cristo e avviene per opera dello Spirito Santo. Le figure di Maria e dei santi, benché rispettate, non ricevono la preghiera dei credenti evangelici.
Nel culto evangelico, la liturgia è aperta, non rigida, partecipata; l’atmosfera è rilassata. Non esiste la confessione di peccato auricolare (e infatti non ci sono confessionali), ma questa parte viene svolta durante il culto nella preghiera personale di confessione di peccato che è seguita dall’annuncio del perdono di Dio fatto da chi guida il culto.
A questo proposito, va detto che la guida del culto è normalmente affidata al pastore, ma non necessariamente, infatti ogni membro battezzato, uomo o donna, può condurre il culto incluso la celebrazione della cena del Signore e i battesimi. La cena del Signore viene celebrata con pane e vino che viene distribuito a tutti.
Il canto è un aspetto particolarmente sentito del culto cristiano, alcuni inni tradizionali della nostra chiesa sono melodie notissime e qualche volta vengono riproposti come canzoni da noti cantanti.

Torna ai contenuti